Appuntamento: Lunedi - Venerdi: 09–13, 15–19:30
avveziobonanni@gmail.com0773 663593

Mesotelioma testicolare

Il mesotelioma testicolare è il tumore che colpisce la tunica vaginale del testicolo, ovvero la membrana che avvolge il testicolo. L'unico fattore di rischio è l'esposizione a polvere e fibre di amianto.

Tutela legale gratuita per le vittime mesotelioma del testicolo

L'Avvocato Ezio Bonanni, è anche il presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto. Ha un'esperienza professionale quasi trentennale, di cui circa 20 dedicati alla difesa vittime amianto.

Come è noto, uno degli organi bersaglio delle fibre di asbesto è il testicolo. Le fibre di amianto attraverso il flusso sanguigno e il sistema linfatico, raggiungono la tunica vaginale del testicolo provocandone prima l'infiammazione e successivamente la reazione neoplastica.

Questo è un tipo di tumore esclusivamente dalle fibre di amianto, ed è inserita nella LISTA I dell'INAIL, per cui sussiste il diritto all'indennizzo INAIL, ai benefici contributivi per esposizione amianto (art. 13 comma 7, Legge 257/92) e al prepensionamento. Inoltre, le vittime e i loro famigliari hanno diritt al risarcimento di tutti i danni subiti.

Diritti delle vittime di mesotelioma del testicolo

Le vittime di questo tumore e i loro familiari, in caso di decesso, hanno diritto a indennizzo INAIL, rendita INAIL e alla rivalutazione del periodo di esposizione con il coefficiente 1,5.

Il coefficiente 1,5 è utile sia per il prepensionamento, sia per la rivalutazione dell'entità delle prestazioni in godimento.

Il pensionamento anticipato è una misura per collocare in pensione il lavoratore esposto ad asbesto e quindi evitare altre esposizioni.

In caso di decesso, il risarcimento INAIL mesotelioma o rendita INAIL viene liquidata al coniuge superstite nella misura del 50% della prestazione spettante alla vittima e ai figli nella misura del 20% per ognuno, a condizione che non superi l'iniziale 100%. Per approfondire:

  • Rendita Inail
  • Rendita Inail ai superstiti
  • Fondo Vittime Amianto
  • Prestazioni Inail in caso di decesso
  • Benefici contributivi (art. 13 comma 7 legge 257/92)
  • Prepensionamento

Assistenza legale gratuita

Come già detto, il mesotelioma del testicolo è un tumore causato esclusivamente dalle fibre di amianto. Lo studio legale dell'avvocato Ezio Bonanni ti assiste per ottenere l'indennizzo INAIL attraverso i seguenti passaggi:

  • Denuncia malattia professionale, ovvero la certificazione necessario per avviare la procedura di riconoscimento dell'origine professionale del mesotelioma, e in caso di decesso della vittima, la reversibilità per il coniuge e i figli;
  • Accertamento del danno biologico permanente, fondamentale per la quantificazione del grado invalidante, utile nell'eventuale fase di giudizio risarcimento dei danni a carico del datore di lavoro;
  • Revisione del danno permanente, per il quale sia l'INAIL che la vittima possono chiedere di riesaminare la quantificazione del danno biologico nei casi di aggravamento;
  • Redazione del ricorso amministrativo e giudiziario, nel caso di mancato riconoscimento della rendita, oppure in nei casi di riconoscimento del grado invalidante inferiore;
  • Prestazioni INAIL per cui la vittima ha diritto all'indennizzo del danno biologico e al risarcimento dei danni da diminuite capacità di lavoro. L'entità della rendita mensile tiene conto della retribuzione e del grado invalidante (pari almeno al 16%). In caso di grado invalidante tra il 6% e il 15% è dovuto il solo indennizzo del danno biologico.

Consulenza legale gratuita

Contatta lo studio legale dell'Avvocato Ezio Bonanni dalla pagina Consulenze legali gratuite o attraverso il formulario per ricevere subito un primo parere legale gratuito:

Risarcimento danni

Il mesotelioma testicolare ha sempre origine occupazionale e insorge solo in seguito a elevata esposizione a polveri e fibre di amianto. Nei casi di esposizione extraprofessionale, si tratta di esposizioni dall'intensità troppo bassa per causarne l'insorgenza.

L'insorgenza di questa neoplasia prova che l'esposizione è stata intensa e lavorativa. Dunque il nesso causale tra esposizione e insorgenza. La prova del nesso causale tra esposizione ad amianto e cancro del mesotelio testicolare dimostra permette di ottenere il risarcimento dei danni.

La vittima che ha riscontrato tumore ai testicoli ha il diritto al risarcimento del danno, patrimoniale e non patrimoniale. In caso di decesso, il diritto può essere fatto valere dagli eredi della vittima defunta, per responsabilità contrattuale ed extracontrattuale. Le modalità per il risarcimento dei danni sono conseguenti all'entità del grado invalidante riconosciuto:

  • inferiore al 6%: il risarcimento danni è a carico del datore di lavoro (Cass. sez. lav., n. 2491/2008)
  • dal 6% al 15%: il datore di lavoro risarcisce i danni differenziali, morali, esistenziali e patrimoniali
  • a partire dal 16%: l'inail indennizza il danno biologico e il danno patrimoniale da diminuite capacità di lavoro e il datore di lavoro risarcisce i danni differenziali biologici e patrimoniale e quelli complementari

Vittime del Dovere

Gli appartenenti alle Forze Armate e al Comparto Sicurezza che per motivi di servizio hanno contratto cancro del mesotelio della tunica vaginale del testicolo o mesotelioma testicolare da asbesto, hanno diritto al riconoscimento della qualità di Vittima del Dovere con i relativi diritti e benefici.

In caso di decesso della vittima, è possibile ottenere il riconoscimento di vedovo/a e orfani di Vittima del Dovere con i relativi diritti e benefici e prestazioni previdenziali e assistenziali:

  • speciale elargizione (€200.000,00)
  • assegno vitalizio (€500 mensili)
  • assegno vitalizio (€1.033,00 mensili)
  • ulteriori prestazioni

Cosa è il mesotelioma del testicolo

Il mesotelioma della tunica vaginale del testicolo è un tumore amianto molto aggressivo. Esso nasce dalle cellule del mesotelio, un tessuto o membrana, che riveste gli organi interni.

Il mesotelio protegge gli organi interni attraverso un particolare liquido lubrificante che facilita i movimenti degli organi, preservandone la massima integrità. 

Dopo aver avvertito i primi sintomi tumore ai testicoli e la diagnosi di tumore del mesotelio testicolare, bisogna rivolgersi a un oncologo esperto per verificare se la neoplasia è benigna o maligna.

Nei casi di tumori benigni come i tumori adenomatoidi o di mesotelioma cistico benigno, si può intervenire chirurgicamente per effettuarne la rimozione senza sottoporsi ad ulteriori trattamenti.

Il mesotelioma, con tutte le sue tipologie, costituisce il 4% della mortalità globale per il cancro. Esso colpisce individui di tutte le età e genere.

In caso di diagnosi precoce, si può avere un significativo prolungamento delle aspettative di vita e delle condizioni generali. Inoltre, nei casi di mesotelioma testicolare è probabile la presenza di grumi testicoli e tumefazione al testicolo.

Tipi istologici

Esistono diversi tipi di tumore al mesotelio. Essi si distinguono in base al tipo di cellula maligna:

  • Epitelioide: il più comune (60-70% dei casi), tende ad avere una migliore prognosi
  • Sarcomatoide (o fibroso): dal 10 al 20% dei mesoteliomi
  • Misto (o bifasico): con aree epitelioidi e aree sarcomatoidi, rappresenta dal 30 al 40% dei mesoteliomi

Approfondisci su: Mesotelioma e meccanismi della cancerogenesi

Sintomi di tumore ai testicoli

Con i primi sintomi del mesotelioma è necessario innanzitutto recarsi dal medico curante. Tra i primi sintomi troviamo nodulo testicoli (anche nodulo al testicolo fa parte dei tumore testicolo sintomi) o la presenza di grumi testicoli. Questi ultimi sono segnali biologici di questo tipo di neoplasia, che è il più raro di tutti i tipi.

I principali sintomi iniziali sono:

  • Tumefazione testicolare non dolente
  • Tumefazione testicolare dolente
  • Grumi ai testicoli
  • Dolore testicolare
  • Ginecomastia

Sintomi cancro testicoli riferibili a metastasi:

  • Dolore lombare
  • Dolore addominale
  • Adenopatie sovraclaveari
  • Adenopatie inguinali
  • Tosse
  • Dispnea
  • Deperimento
  • Paraplegia (raro)

Diagnosi mesotelioma testicolare

I sintomi iniziali del tumore al testicolo spesso sono simili a quelli di altre malattie, rendendo la diagnosi difficile. Per questo motivo l'anamnesi lavorativa è fondamentale, in quanto l'esposizione professionale ad amianto può costituire un indizio importante per la diagnosi corretta e l'esclusione di altre patologie.

Il mesotelioma della tunica vaginale del testicolo o mesotelioma testicolare è molto aggressivo e difficilmente diagnosticabile in quanto non ci sono  grumi nei testicoli  e la classica serie di tumore al testicolo sintomi iniziali e sintomi del tumore al testicolo o specifici del mesotelioma.

Nella maggior parte dei casi, è riscontrabile tra i sintomi tumore al testicolo la presenza di grumi ai testicoli, o anche un solo grumo testicolo, tumefazione al testicolo, testicoli contratti e gonfiore dello scroto, che porta alla diagnosi di mesotelioma testicolare.

A volte il mesotelioma della tunica vaginale del testicolo o mesotelioma testicolare viene scoperto casualmente. Come nei casi di assenza di grumo nei testicoli quando un paziente viene sottoposto a intervento chirurgico per un altro motivo, come può essere la riparazione di un'ernia, oppure con la presenza di un nodulo al testicolo, anche in caso di nodulo testicolo benigno.

  • Ultrasuono: si tratta della scansione per immagini precise al 90%, in grado di rilevare un grumo nei testicoli e i tumori testicolari. Nel caso in cui venga individuato un potenziale tumore, possono essere eseguite altre scansioni per determinare lo stadio e la diffusione del tumore. Per confermare la diagnosi di mesotelioma testicolare o della tunica vaginale del testicolo, è possibile raccogliere un campione di sangue al fine di individuare i marcatori, sostanze rilasciate dal mesotelioma che aiutano a confermare la diagnosi;
  • Biopsia: è il metodo definitivo per confermare la diagnosi di mesotelioma testicolare o della tunica vaginale del testicolo. Nel dettaglio, si tratta della rimozione di un campione di tessuto dalla massa tumorale e l'invio al laboratorio per il test. La valutazione del campione avviene con una tecnica chiamata colorazione immunoistochimica, che determina se il paziente è affetto da mesotelioma testicolare. I marcatori immunochimici del mesotelioma testicolare comprendono la calretinina, la citocheratina 5/6 e il gene del tumore di Wilms 1, noto anche come WT1.
  • Ecografia transrettale: in questo caso la diagnosi si basa sulle tecniche di imaging (ecografia etomografia computerizzata toraco-addomino-pelvica - CAP-CT).

Un ritardo diagnostico del cancro ai testicoli favorisce l’evoluzione della malattia e ne compromette la prognosi. Le ricerche diagnostiche (ecografia, markers, etc.) causano ritardo nella diagnosi e quindi potenzialmente un danno al paziente. Inoltre,  ogni volta che riscontriamo una tumefazione testicolare intrascrotale o i grumi testicoli hanno un'incerta natura, bisogna ricorrere alla inguinotomia esplorativa al fine di ottenere una diagnosi certa il prima possibile.

Terapia del mesotelioma testicolare

Il mesotelioma della tunica vaginale del testicolo è un tumore estremamente raro. Il personale medico, al momento della diagnosi dovrà valutare tutti i dettagli di ogni singolo.

Per ogni caso vi è un approccio più efficace, anche se tutto dipende dalla stadiazione, dall'età e naturalmente dallo stato di salute del paziente.

La terapia del mesotelioma della tunica vaginale del testicolo prevede diversi approcci per aumentarne l'efficacia. Quindi, il trattamento di questa neoplasia prevede l'uso della chirurgia, della chemioterapia e della radioterapia.

In sintesi, come per tutti i tipi di tumore da amianto, anche la terapia per il mesotelioma testicolare si basa sulle tre metodologie tradizionali:

  • chirurgia: prende il nome di orchiectomia inguinale radicale, l'intervento chirurgico grazie al quale viene rimosso il testicolo. È il trattamento più efficace e più utilizzato per i tumori testicolari. Vi è inoltre un'ulteriore chiamata linfoadenectomia, attraverso la quale vengono rimossi i linfonodi intorno al sito e verificare la diffusione del mesotelioma.
  • radioterapia
  • chemioterapia

Dal momento che negli ultimi 30 anni sono stati diagnosticati solo 73 casi di questa neoplasia, è ancora in corso il dibattito scientifico sulle diverse opzioni terapeutiche da adottare.

Inoltre, trattamenti innovativi, come per esempio l'immunoterapia, si sono dimostrati efficaci in altre forme di mesotelioma, ma per ora sono disponibili solo in studi clinici.

Mesotelioma testicolare aspettative di vita

Come già evidenziato, il mesotelioma della tunica vaginale del testicolo è una patologia rara. Il periodo medio di sopravvivenza per le vittime di mesotelioma, in generale, varia da 12 a 21 mesi, a seconda della tempestività della diagnosi (fonte: American Cancer Society).

Tuttavia, uno studio del World Journal of Surgical Oncology indica una prognosi del mesotelioma testicolare più ottimistica, con un tasso medio di sopravvivenza pari a 24 mesi.

La prognosi è migliore viene associata ai pazienti più giovani, la cui malattia è diagnosticata precocemente. Difatti, uno studio del The Canadian Journal of Urology riporta il caso di un paziente ancora vivo sette anni dopo essersi sottoposto al trattamento.

Mentre, alcuni altri studi, hanno rilevato un tasso di mortalità di circa il 53% dopo due anni. Ma vista l'incredibile rarità del mesotelioma testicolare, le informazioni risultano ancora poche per definire uno studio approfondito. La prognosi è influenzata da diversi fattori. Il primo rappresenta lo stadio della malattia, il tipo di cellula e l'età del paziente al momento della diagnosi. Ci sono stati anche casi di mesotelioma testicolare benigno.

L'Avv. Ezio Bonanni è autore della pubblicazione "Come curare e sconfiggere il mesotelioma e ottenere le tutele previdenziali e il risarcimento dei danni".

Quest'ultima è una guida dedicata a tutte le vittime di tumore del mesotelio da amianto e ai loro familiari.

ASSISTENZA GRATUITA

Richiedi una consulenza gratuita all'Avv. Ezio Bonanni
Richiedi una consulenza