Il tumore delle ovaie e servizi di assistenza

Lo Studio Legale Ezio Bonanni assiste anche le vittime amianto che hanno contratto il tumore alle ovaie.

Le lavoratrici o le cittadine che hanno contratto il tumore alle ovaie a causa dell'esposizione a polvere di amianto, hanno diritto al risarcimento dei danni e alla malattia professionale.

Tumore delle ovaie: sintomi, fattori di rischio e trattamento

Il tumore delle ovaie è una neoplasia che colpisce le ovaie: carcinoma dell'ovaio e/o carcinoma ovarico. È causata anche dall'amianto.

Questa forma di neoplasia è tra le più diffuse, ed è al sesto posto tra i cancri che colpiscono le donne.

Tutela legale vittime tumore delle ovaie

L'INAIL ha inserito il cancro dell'ovaio nella lista I e, quindi, tutte le donne che sono vittime del tumore delle ovaie hanno diritto ad ottenerne l'indennizzo come malattia professionale, nel caso in cui abbiano lavorato in ambienti contaminati da polveri e fibre di asbesto.

Tumore alle ovaie: assistenza e tutela legale

Lo IARC ha inserito il carcinoma delle ovaie tra le malattie asbesto correlate. Nell'ultima monografia IARC (Asbestos (Chrysotile, Amosite, Crocidolite, Tremolite, Actinolite, and Anthophyllite), al capitolo 2.4.6 (Cancer of the ovary):

"The published literature examining the association between asbestos exposure and cancer of the ovaries is relatively sparse, because the workforce occupationally exposed to asbestos in such occupations as mining, milling shipyard work, construction and asbestos insulation work has been predominantly male. An examination of the association between asbestos and ovarian cancer was not undertaken by the IOM (2006)".

See  Table  2.8   available   at   http:// monog raphs. ia rc. f r/ ENG/ Monog raphs/ vol100C/100C-06-Table2.8.pdf.

Cohort studies

The Working Group examined 11 cohort studies that examined the association between asbestos exposure and ovarian cancer in 13 populations, ten with occupational exposure to asbestos and three with community-based or residential exposure.

  • Acheson et al. (1982) examined a cohort in the United Kingdom consisting of two groups of women in separate factories (n = 1327), employed in the manufacture of asbestos-containing gas masks before and during World War II. One factory had used crocidolite asbestos, and the other had used chrysotile. Among 757 women  in the plant that used crocidolite, 12  deaths from ovarian cancer were observed versus. 4.4 expected (SMR, 2.75; 95%CI: 1.42–4.81). Among 570 women in the plant that used chrysotile asbestos, five deaths were observed for ovarian cancer versus 3.4 expected (SMR, 1.48; 95%CI: 0.48–3.44).
  • Rösler etal. (1994) examined cancer mortality in a cohort of 616 women workers in Germany who had been occupationally exposed to asbestos. Proportionate mortality was computed according to cause of death. A total of 95% of the asbestos used in Germany at this time was chrysotile, but the authors state that “admixture of crocidolite cannot be excluded, particularly in the manufacture of asbestos textile.” Two deaths from ovarian cancer were observed versus 1.8 expected (SMR, 1.09; 95%CI: 0.13–3.95).
  • Pira et al. (2005) conducted a cohort study  of 1077 women employed for at least one month during 1946–84 in an asbestos-textile factory in Italy, and followed up to 1996. A variety of types of asbestos were used in the factory, including crocidolite. A non-significantly increased stand- ardized mortality ratio of 2.61 was observed for cancer of the ovary, based on five deaths. Among women in this cohort with ≥ 10 years of employ- ment with asbestos, the standardized mortality ratio for ovarian cancer was 5.73, based on three deaths. Among women with ≥ 35 years since first employment, the standardized mortality ratio for ovarian cancer was 5.37, based on two deaths. This cohort was heavily exposed to asbestos, as supported by a standardized mortality ratio for lung cancer among women of 5.95, and by the occurrence of 19 deaths from mesothelioma (12%) among 168 total deaths in women.
  • Ferrante et al. (2007) examined cancer mortality in a cohort consisting of family members of men who had been employed in the asbestos-cement factory in Casale Monferrato, Italy, described in the preceding paragraph. Exposure was to a mix of crocidolite and chry- sotile. Among women with domestic exposure to asbestos, 11 deaths from ovarian cancer were observed versus 7.7 expected (SMR, 1.42; 95%CI: 0.71–2.54).
  • Reid   et   al.   (2008)    reported   on   cancer mortality in a cohort of 2552 women and girls who lived in the crocidolite asbestos mining town of Wittenoom in Western Australia during 1943–92,  who  were  not  involved  in  asbestos mining and milling. Environmental contamina- tion of the town with asbestos dust is reported to have been extensive. The women’s exposure was environmental and not occupational. There were nine deaths from ovarian cancer in this cohort (SMR, 1.26; 95%CI: 0.58–2.40).
  • Reid et al. (2009) conducted a cancer inci- dence study in the same cohort of 2552 women and girls in Western Australia with envi- ronmental exposure to crocidolite asbestos. Additionally, they examined cancer incidence in 416 women who had worked in various capaci- ties in the Wittenoom crocidolite asbestos mines and mills. Among community residents, ten incident cases of ovarian cancer were observed (SIR, 1.18; 95%CI: 0.45–1.91). Among women workers employed in the asbestos factory, one case of ovarian cancer was observed (SIR, 0.49; 95%CI: 0.01–2.74). To address the possibility that some diagnosed cases of ovarian cancer in this cohort might in fact have been cases of peritoneal mesothelioma, Reid et al. (2009) examined pathological material from nine of their cases. The diagnosis of ovarian cancer was sustained in every case.

Population-based cohort studies

Vasama-Neuvonen et al. (1999) conducted a case–control study of ovarian cancer of occupa- tional exposures in Finland. The asbestos fibre type was not specified and the standardized inci- dence ratio was 1.30 (95%CI: 0.9–1.80) between ovarian cancer and exposure to “high levels of asbestos.”

Pukkala et al. (2009) examined the incidence of ovarian cancer among women employed in various occupational categories in Nordic coun- tries (Denmark, Finland, Iceland, Norway, and Sweden). Among the groups examined were plumbers, a group with known occupational exposure to asbestos. Fibre type was not specified. A total of four ovarian cancers were observed in these women plumbers. The standardized inci- dence ratio was 3.33 (95%CI: 0.91–8.52)

Case–control studies

Langseth & Kjærheim (2004) conducted a nested case–control study to examine the asso- ciation between asbestos exposure and ovarian cancer within a cohort of female pulp and paper workers in Norway that had previously been found to have excess mortality from ovarian cancer (37 ovarian cancers observed versus 24 expected; SIR, 1.50; 95%CI: 1.07–2.09). The asbestos fibre type was not specified. In the case–control study, the odds ratio for occupa- tional exposure to asbestos, based on 46 cases of ovarian cancer, was 2.02 (95%CI: 0.72–5.66).

Rendita INAIL tumore alle ovaie

L'Avv. Ezio Bonanni, titolare dell'omonimo studio legale, fornisce assistenza a tutte coloro che sono affette da tumore delle ovaie dopo essere state esposte ad amianto.

Per poter attivare il percorso di assistenza legale occorre, innanzitutto, ricostruire la storia lavorativa, e reperire tutta la documentazione necessaria:

  • libretto di lavoro;
  • copia delle buste paga;
  • eventuali fotografie attestanti le attività di lavoro all'interno dei siti contaminati;
  • acquisire dalla ASL i piani di lavoro di rimozione amianto e le relazioni di cui all'art. 9, L. 257/92;
  • acquisire copia del documento di valutazione del rischio;
  • documenti attestanti la presenza di amianto nel sito lavorativo.

Documentazione medica

Per potersi sottoporre alla visita medica è necessaria anche la documentazione medica:

  • esami tecnico strumentali;
  • certificazioni mediche;
  • cartelle cliniche.

Prima certificazione di malattia professionale

Il medico del lavoro, ovvero il medico curante, sottopone a visita medica la paziente, effettuando anche l'anamnesi, e, cioè, la verifica delle sue mansioni e della sua attività lavorativa.

Il sanitario redige, quindi, la certificazione medica di malattia professionale sul modello 5ss bis predisposto da INAIL. Il medico curante, ovvero il sanitario che ha redatto la certificazione, deve provvedere alla trasmissione dello stesso con modalità telematica all'istituto previdenziale.

L'INAIL istruisce la pratica, chiedendo preventivamente il parere alla CON.T.A.R.P. (Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione centrale), la quale ha la funzione specifica di redigere una relazione sulla condizione lavorativa, ovvero sui rischi presenti nell'ambiente lavorativo.

Nel caso specifico, poiché il tumore delle ovaie è eziologicamente connesso all'amianto, per tali ragioni, ove la CON.T.A.R.P. confermi la presenza dell'agente eziologico, anche a titolo di esposizione solamente ambientale (Cass. Sez. Lav. n. 23653/2016), deve essere riconosciuta l'origine professionale della tecnopatia e, quindi, deve essere indennizzata, all'esito della visita medico legale:

  • rendita INAIL, nel caso di riconoscimento di patologia a partire dal 16%, e indennizzo INAIL nel caso in cui fosse riconosciuta una lesione dal 6% al 15%.
  • Fondo Vittime Amianto, prestazione aggiuntiva alla rendita INAIL. Recentemente tale prestazione è riconosciuta anche a coloro che sono vittime ambientali.
Agenti Causali (D.M.09/04/2008 e 10/06/2014)Riferimenti e lavorazioni D.M. 09/04/2008Periodo Max. Ind.  Lista  Codice
Asbeston.pIllimitatoLISTA II.6.03
Radiazioni Ionizzantin.pIllimitatoLISTA IIII.6.40

Il tumore all'ovaio viene inserito dall'INAIL nella LISTA I delle malattie professionali, e in quanto tale immediatamente riconosciuto il nesso tra patologia ed esposizione ad amianto.

Tra gli agenti eziologici, responsabili della contrazione di questa malattia infatti, è indicato l'amianto, LISTA I, Gruppo 6, Codice I 6.03.

Tutela in caso di rigetto

Il procedimento amministrativo può essere definito con l'accoglimento e, in questo caso, come già sopra evidenziato, è erogato l'indennizzo, nella misura della rendita se con inabilità, dal 16%, ovvero indennizzato il solo danno biologico nel caso di menomazione riconosciuta con grado percentuale dal 6 al 15%.

Nel caso in cui venga emesso un provvedimento di rigetto, è possibile procedere con un ricorso amministrativo ai sensi dell'art. 104 del D.P.R. n. 1124/65, con richiesta di "riesame" del provvedimento. Il ricorso può essere proposto anche nel caso in cui vi sia un'evidente sottovalutazione dell'effettivo danno biologico in relazione al grado dell'infermità causata dalla malattia professionale.

Visita collegiale INAIL

L'Avv. Ezio Bonanni ha avviato una particolare strategia di tutela delle vittime dell'amianto e di altri agenti cancerogeni presenti negli ambienti lavorativi (tutela malattie professionali).

Nella procedura INAIL, si inserisce il particolare corredo probatorio, sia di natura tecnica, per dimostrare il rischio, che medico legale, attraverso il pool di sanitari esperti, in collaborazione con l'Osservatorio Nazionale Amianto - ONA Onlus.

Successivamente al ricorso ex art. 104 del D.P.R. 1124/65, l'INAIL fissa una sessione di visita collegiale, alla quale può partecipare il medico legale di fiducia della vittima, in contraddittorio con i sanitari INAIL, al fine di riesaminare l'intero carteggio, sia sotto l'aspetto tecnico e medico legale nel caso di rigetto, sia dal punto di vista solo medico legale, nel caso in cui ci sia una sottovalutazione della lesione riportata come conseguenza della malattia professionale.

Il provvedimento INAIL dopo la collegiale medica

A seguito della collegiale medica e, quindi, del riesame della pratica, l'INAIL emetterà un provvedimento definitivo dal punto di vista amministrativo, con il quale potrà o accogliere la domanda e, quindi, riconoscere la malattia professionale, oppure rigettarla definitivamente.

Tutela giudiziaria per rigetto o sottovalutazione del danno

A seguito del secondo provvedimento dell'INAIL, che è definitivo, con cui si conclude il procedimento amministrativo, l'avente diritto può desistere, oppure invocare la tutela giurisdizionale dei diritti.

Ricorso al Giudice del Lavoro contro l'INAIL

All'esito del provvedimento definitivo, sia esso di accoglimento parziale, che di rigetto, la lavoratrice vittima, ovvero in caso di decesso, i famigliari superstiti (coniuge e figli minorenni o studenti fino ai 26 anni se universitari e 21 anni, in caso di scuola media superiore, e figli disabili), possono agire con ricorso ex art. 442 c.p.c. presso il Giudice del Lavoro.

Il Giudice ammetterà le prove, tra cui quella testimoniale e la consulenza tecnica, per dimostrare la condizione di rischio, ovvero la presenza dell'agente eziologico, in questo caso l'amianto, nel sito, ovvero l'esposizione diretta ed indiretta, e quella medico legale per confermare il nesso causale e quantificare il grado invalidante.

In caso di rigetto oppure di accoglimento, solo parziale, la sentenza potrà essere impugnata innanzi la Corte d'Appello competente.

Benefici contributivi ex art. 13, co. 7, L. 257/92

In caso di riconoscimento della malattia professionale asbesto correlata per esposizione all'amianto, al di là del grado invalidante, fosse anche inferiore al 6%, la vittima ha diritto ad ottenere dall'INAIL la certificazione di esposizione professionale ad amianto ex art. 13, co. 7, L. 257/92 e, quindi, a depositare, presso l'INPS territorialmente competente, la domanda di accredito dei benefici contributivi per esposizione ad amianto.

Il coefficiente 1,5 a titolo di maggiorazione contributiva per amianto

I c.d. benefici contributivi per esposizione ad amianto sono degli indennizzi (Cass. Sez. Lav., n. 25000/2014). L'accredito di tali maggiorazioni contributive si giustifica per la lesività delle fibre di amianto, e per il ritardo con cui lo Stato Italiano ha recepito la direttiva n. 477/83/CEE.

Domanda amministrativa all'INPS per maggiorazioni amianto

L'avente diritto, forte del certificato di esposizione professionale ad amianto rilasciato dall'INAIL, per poter ottenere la ricostituzione della posizione previdenziale e contributiva, deve proporre la domanda amministrativa all'INPS, corredata dalla certificazione INAIL ai sensi dell'art. 13, co. 7, L. 257/92 e della documentazione lavorativa.

Nel caso in cui l'INAIL non avesse rilasciato la certificazione di esposizione, seppur dovuta, l'avente diritto può agire, comunque, nei confronti dell'INPS (unico legittimato passivo), e chiedere la sua condanna all'accredito delle maggiorazioni contributive per esposizione ad amianto con la moltiplicazione dell'intero periodo di esposizione con il coefficiente 1,5.

L'accredito della maggiorazione contributiva è valido per coloro che fossero ancora in attività, per ottenere, quindi, il prepensionamento, pari al 50% del periodo di esposizione. In altre parole, in caso di esposizione decennale, si matura un prepensionamento di 5 anni, e così via.

Coloro che sono già pensionati, per effetto della rivalutazione con il coefficiente 1,5, hanno diritto alla riliquidazione con un ricalcolo del rateo pensionistico, così adeguato e con la liquidazione delle differenze sui ratei medio tempore maturati.

Non è richiesta una soglia minima di esposizione, né il periodo ultradecennale, diversamente rispetto ai benefici amianto, ex art. 13, co. 8, L. 257/92.

Ricorso al Giudice del Lavoro per la condanna dell'INPS

Nel caso in cui l'INPS rigetti la domanda amministrativa, anche con silenzio rigetto (che si matura dopo 120 giorni dal deposito della domanda amministrativa), l'avente diritto deve ricorrere al Comitato Provinciale INPS, ai sensi dell'art. 443 c.p.c.

Nel caso in cui anche il ricorso al Comitato Provinciale sia rigettato formalmente o per silenzio rigetto, si potrà ricorrere al Giudice del Lavoro per ottenere la condanna dell'INPS all'accredito delle maggiorazioni contributive (ai sensi dell'art. 442 c.p.c.).

Per il ricorso giudiziario sono necessari:

  • documenti lavorativi relativi ai siti con amianto;
  • buste paga, libretto di lavoro, etc.;
  • prove documentali sulla presenza di amianto;
  • eventuali foto e dichiarazioni di colleghi di lavoro;
  • tutta la documentazione medica legata alla malattia;
  • documentazione INAIL di riconoscimento della malattia professionale;
  • ulteriori atti e documenti;
  • eventuale certificazione INAIL di esposizione ad amianto ex art. 13, co. 7, L. 257/92;
  • eventuali testimoni in grado di riferire sull'ambiente di lavoro e sulle condizioni di rischio.

Pensione inabilità INPS

I lavoratori che hanno subito una malattia professionale asbesto correlata, ed in particolare il tumore delle ovaie, inserito nella lista I dell'INAIL per l'agente eziologico amianto, ove fossero ancora in attività e con i benefici amianto ex art. 13, co. 7, L. 257/92, non maturassero le condizioni per il pensionamento possono, comunque, chiedere di essere collocati in pensione (pensione inabilità amianto).

Grazie all'impegno dell'Avv. Ezio Bonanni, il Parlamento ha approvato l'art. 1, co. 250, L. 232/2016. Con queste norme i lavoratori malati di asbestosi, tumore del polmone e mesotelioma di origine professionale asbesto correlata, hanno acquisito il diritto per essere collocati in pensione immediata (pensione inabilità amianto).

Successivamente la norma è stata modificata per effetto del Decreto L. 34 del 2019, convertito con legge 58 del 2019. Infatti, l’art. 41-bis della legge 58 del 2019, con il quale è stato ampliato il numero delle malattie per le quali si può accedere all'immediato pensionamento, purché asbesto correlate, ha introdotto, in aggiunta, i commi 250-bis e 250-ter all’art. 1 della L. n. 232/2016.

L'INPS, con Circolare INPS n. 34 del 09.03.2020, ha dettato le linee guida per poter accedere al pensionamento immediato per coloro che, avendo ottenuto il riconoscimento INAIL di patologia asbesto-correlata, pur con accredito delle maggiorazioni contributive ex art. 13, co. 7, L. 257/92, non hanno ancora maturato il diritto.

In questo caso, si potrà accedere al pensionamento, con tale strumento normativo.

Si dovrà tener conto del fatto che, tale prestazione pensionistica non è cumulabile con l'indennizzo INAIL e, quindi, tale strumento potrà essere utilizzato solo ove gli anni mancanti per il pensionamento fossero di una certa rilevanza, ovvero per il caso in cui si è al di sotto dell'indennizzabilità (Corte di Cassazione, Sez. Lavoro, sentenza n. 30438/2018).

Occorre, quindi, valutare le conseguenze di accedere a tale pensione di inabilità. Questa non cumulabilità è contestata dall'Avv. Ezio Bonanni, che ha intrapreso varie iniziative legali.

Fondo Vittime Amianto per vittime tumore delle ovaie

Il Fondo Vittime Amianto (FVA), istituito con l'art. 1 commi 241/246 L. 244/2007, è un indennizzo che si aggiunge alla rendita inail, fino al 20% (Decreto ministeriale 29 gennaio 2020) per coloro che sono vittime di patologie asbesto correlate, indennizzate come malattie professionali.

Risarcimento danni cancro all'ovaio malattia professionale

Coloro a cui l'INAIL riconosce l'origine professionale del cancro all'ovaio, potranno agire nei confronti del datore di lavoro per l'integrale risarcimento di tutti i danni, patrimoniali e non patrimoniali, cagionati dall'esposizione professionale ad amianto e dalla conseguente malattia professionale.

Si tratta del c.d. danno differenziale, costituito dalla differenza tra il danno complessivo subito dalla vittima cui viene detratto l'eventuale indennizzo del solo danno biologico erogato dall'INAIL. Infatti, le vittime di malattie professionali asbesto correlate subiscono, oltre al danno biologico inteso quale lesione dell'integrità psicofisica, anche i danni c.d. non patrimoniali, tra i quali sono ricompresi i danni morali, esistenziali.

Il calcolo del differenziale, prevede lo scomputo della rendita diretta, per poste omogenee e, quindi, le voci di danno non contemplate nella rendita INAIL devono essere completamente risarcite a carico del datore di lavoro.

Risarcimento danni eredi defunto

Nel caso in cui, a seguito del cancro dell'ovaio causato dall'esposizione ad amianto e da altri agenti cancerogeni negli ambienti lavorativi, sussiste il diritto degli eredi ad ottenere la liquidazione di quanto maturato dalla defunta.

Diritto al risarcimento del danno iure proprio

I famigliari, ovvero coloro che avevano un rapporto significativo con la vittima venuta a mancare, anche non eredi, hanno diritto all'integrale risarcimento anche dei danni iure proprio sofferti.

Anche i famigliari delle vittime di malattie asbesto correlate, infatti, subiscono dei danni iure proprio, in quanto subiscono, sia l'esposizione domestica all'agente cancerogeno responsabile della malattia professionale della loro congiunta, sia perché si trovano costretti ad abbandonare le loro occupazioni e modificare radicalmente la loro vita, e poi, all’atto della morte, subiscono un ulteriore trauma e shock che li segnerà per il resto della loro vita, tra l’altro, per effetto di un minore introito di natura economica, e in più, per la lesione dei diritti della famiglia, e per lesione dei vincoli parentali ed affettivi e/o per la perdita del rapporto affettivo, e conseguente modificazione anche dei programmi e progetti.

Che cosa sono e dove si trovano le ovaie?

Le ovaie appartengono agli organi genitali femminili primari. Situate una a destra e una a sinistra dell'utero, presentano un diametro di circa tre centimetri ( anche se le dimensioni variano rispetto all'età).

Qui avviene la crescita degli ovociti e la produzione degli ormoni sessuali noti come estrogeni e progesterone, i quali influiscono su tutti i processi che avvengono nel corpo femminile.

Ogni mese, quando la donna è fertile e non è in stato di gravidanza, le ovaie producono un ovocita che si muove verso l’utero per essere eventualmente fecondato.

Tumore alle ovaie benigno e maligno

I tumori alle ovaie sono dovuti alla moltiplicazione senza controllo delle loro cellule.

Vengono distinti in tumori benigni e maligni. I tumori ovarici benigni non provocano metastasi e rimangono contenuti nella zona in cui si sono formati.

I tumori maligni possono metastatizzare in diverse aree corporee. 

Solitamente la neoplasia va a costituirsi a livello delle cellule epiteliali, mentre sporadicamente si formano a livello delle cellelule germinali, adibite alla produzione degli ovuli.

Tra i tumori benigni più frequenti, troviamo le cisti ovariche che molto spesso sono funzionali e scompaiono senza terapia.
I tumori maligni invece sono di tre tipi: tumori epitelialitumori germinali e tumori stromali.

Tipologie di carcinoma ovarico esistenti

tumori maligni dell’ovaio sono di tre tipi: 

  • Tumori epiteliali : originano dalle cellule epiteliali che rivestono la superficie delle ovaie. Essi costituiscono più del 90% delle neoplasie ovariche maligne.
  • Tumori germinali : originano dalle cellule germinali (quelle che danno origine agli ovuli). Si presentano soprattutto in età giovanile (infanzia e adolescenza) e rappresentano il 5% circa delle neoplasie ovariche maligne.
  • Tumori stromali: originano dallo stroma gonadico, il tessuto di sostegno dell’ovaio. La loro diagnosi è facilmente individuabile, poichè provocano effetti ormonali, legati all'eccessiva produzione di ormoni femminili e maschili. La maggior parte di questi tumori sono caratterizzati da una bassa malignità, e costituiscono circa il 4% circa delle neoplasie ovariche maligne.

Oltre a queste tre tipologie si distinguono:

  • Tumori borderline.

I tumori borderline, con basso grado di malignità e con scarsa tendenza alla metastatizzazione permettono di solito l’asportazione totale della lesione e la possibilità di conservare una grande quantità di tessuto ovarico.

  • Tumori peritoneali primari.

tumori peritonali primari sono rari e derivano dalle cellule sierose che rivestono la pelvi e l’addome.

Il carcinoma ovarico può essere diagnosticato in diversi stadi:

  • I, limitato alle ovaie;
  • II, su una o entrambe le ovaie ed esteso anche agli organi pelvici;
  • III, su una o entrambe le ovaie, esteso agli organi pelvici e/o con metastasi ai linfonodi della stessa zona;
  • IV, con la presenza di metastasi anche a distanza dalla zona delle ovaie, solitamente al fegato e ai polmoni.

La recente classificazione Kurman, distingue il carcinoma ovarico in due gruppi, definiti tipo I e II, in base alla natura delle cellule che interessano. I tumori di tipo I insorgono da cellule ben differenziate, come i tumori borderline (cioè di confine tra malignità e benignità) e sono correlati con un certo tipo di mutazioni a carico di specifici geni (tra cui KRAS, BRAF, PTEN e beta-catenina). I tumori di tipo II sono spesso piuttosto aggressivi e insorgono direttamente dal tessuto epiteliale dell’organo, senza passare da una fase precancerosa. Questi tumori sono molto instabili dal punto di vista genetico e mostrano mutazioni del gene P53.

Quali sono i sintomi del tumore alle ovaie

Nelle sue fasi iniziali, il tumore alle ovaie non presenta sintomi, per questa ragione risulta complesso riuscire ad individuarlo precocemente.

Per tumore alle ovaie sintomi iniziali vengono spesso sottovalutati dalla donne, in quanto aspecifici :

  • inappetenza
  • addome gonfio
  • aerofagia
  • bisogno di urinare frequentemente
  • sensazione di sazietà anche a stomaco vuoto

Inoltre accade spesso che questi sintomi, vengano ricondotti a problematiche minori.Quando compaiono questi veri e propri campanelli d'allarme, è bene richiedere al ginecologo una semplice ecografia pelvica, che potrà dare una prima importante indicazione diagnostica.

Gli esperti consigliano una semplice ecografia pelvica o transvaginale insieme alla visita ginecologica con palpazione bimanuale dell’ovaio per formulare una prima diagnosi, mentre non esistono al momento programmi di screening scientificamente affidabili per la prevenzione del tumore dell’ovaio.

Quali sono le cause?

L'insorgenza del cancro ovarico è strettamente collegata all'età. La maggioranza dei casi,viene infatti registrato nel periodo che segna l'ingresso alla menopausa: tra i 50 e 69 anni.

Si è ipotizzato che questo possa dipendere dalla lunghezza del periodo ovulatorio e il non aver avuto figli, come se ogni ovulazione rappresenti per la superficie dell’ovaio un piccolo trauma da cui insorge il tumore.

L’aver avuto più figli, l’allattamento al seno e l’uso a lungo termine di contraccettivi estroprogestinici diminuiscono il rischio d’insorgenza del tumore dell’ovaio.

Secondo una stima del National Cancer Institute, una percentuale tra il 7 e il 10% di tutti i casi di tumore dell’ovaio è il risultato di una alterazione genetica ereditaria. In questi casi il cancro dell’ovaio può verificarsi in un’età più giovanile.

Nelle famiglie in cui si rileva un alto tasso di tumori alla mammella o all'ovaio, è consigliabile procedere con un programma di controlli regolari e accurati.

Il trattamento e la cura del tumore

Il trattamento e la cura del tumore ovarico dipendeno da una serie di fattori quali: stadio della malattia, tipologia, localizzazione, dimensioni, oltre che dallo stato di salute generale del paziente.

Attualmente, esistono tre diverse alternative per il trattamento del cancro:

  • chirurgia: è la prima opzione presa in considerazione, è fondamentale sia per definire la reale diffusione del tumore, grazie alla biopsia, sia nei casi avanzati per eliminare tutte le masse tumorali visibili.
  • Radioterapia e chemioterapia

La Chemioterapia è un trattamento adibito alla cura dei tumori e delle malattie infettive.

Si fonda sulla somministrazione di farmaci in vena, che impediscono la moltiplicazione cellulare, interferendo con i meccanismi legati a questo processo, e così facendo eliminano le cellule cancerose inducendone la morte (azione citotossica).

Di solito la chemioterapia viene eseguita nell'arco di alcune ore, in day hospital o in regime ambulatoriale, in altri casi è necessaria una breve degenza.

Ogni ciclo di terapia è costituito da una serie di sedute, alle quali si frappongono periodi di riposo per consentire la ripresa dell'organismo dagli eventuali effetti collaterali.

A seconda del grado della malattia, della risposta al trattamento e ai farmaci verrà utilizzato uno schema di ciclo terapie differenti. Ad esempio, se lo schema è ogni 3 settimane, nella maggior parte dei casi sono sufficienti sei cicli di terapia. Se lo schema è settimanale, circa 20, somministrati in un periodo di circa 4-5 mesi.

La chemioterapia intraperitoneale, in cui i farmaci sono iniettati direttamente nella cavità addominale, contribuisce a migliorare la sopravvivenza in un numero modesto di casi, ma può anche causare alcuni effetti collaterali spiacevoli. Per questo motivo è ancora in fase speriementale.

La radioterapia è un particolare tipo di terapia fisica che utilizza le radiazioni, in genere i raggi X, nella cura dei tumori.

Queste radiazioni sono dette radiazioni ionizzanti, e vengono emesse da sostanze radioattive (per esempio iodio o cobalto) oppure prodotte da specifiche apparecchiature chiamate acceleratori lineari.

Le tipologie di interventi chirurgici

A seconda del genere di tumore ovarico, esistono differenti interventi chirurgici: Nel caso di tumori epiteliali dell’ovaio:

  • isterectomia totale : consiste nell’asportazione dell’utero e della cervice. Vi sono due modi per eseguirla: l'isterectomia addominale, quando il chirurgo esegue una lunga incisione nell'addome, quando invece pratica un incisione più piccola utilizzando il laparoscopio, si parla di isterectomia laparoscopica.
  • Annessiectomia unilaterale :l’Annessiectomia unilaterale è l’intervento di asportazione di un ovaio e di una tuba di Falloppio.
  • Annessiectomia bilaterale: l’Annessiectomia bilaterale è l’intervento di asportazione di entrambe le ovaie e tube di Falloppio.
  • Omentectomia : l’omentectomia consiste nell’asportazione dell’omento (una parte del tessuto che riveste la cavità addominale).

Per i tumori ovarici a cellule germinali gli interventi chirurgici standard sono:

  • annessiectomia unilaterale
  • annessiectomia bilaterale
  • tumorectomia (asportazione più ampia possibile della massa tumorale).

Richiedi assistenza gratuita

ASSISTENZA GRATUITA

Richiedi una consulenza gratuita all'Avv. Ezio Bonanni
Richiedi una consulenza