Il tumore del colon retto: sintomi, cause e trattamento

L'intestino  è diviso in due aree principali:

  • il piccolo intestino/ intestino tenue: comprende il tratto che parte dalla valvola pilorica fino ad arrivare alla valvola ileocecale. Ed è diviso a sua volta in tre sezioni ( duodeno, digiuno e ileo).
  • il grande intestino/intestino crasso: costituisce la parte terminale dell'intestino e dell'apparato digerente, ed è suddiviso in sei sezioni:(ciecocolon ascendentecolon trasversocolon discendentesigma e retto).

Cause e fattori di rischio cancro al colon

Al momento non è stato ancora possibile riuscire ad individuare precisamente, quali siano le cause della comparsa di questa patologia.

Come nel caso delle altre forme tumorali, l'unica spiegazione disponibile fa riferimento al lento accumulo di mutazioni genetiche, che agiscono controllando la crescita della divisione cellulare, andando a stravolgere questo processo.

Tuttavia è stato possibile individuare se non altro, i possibili fattori di rischio:

  • rischi genetici o familiari,
  • l'eccessivo consumo di carni rosse, 
  • cibi grassi
  • il consumo di alcol,
  • il fumo di sigaretta,
  • l'obesità,
  • la sedentarietà
  • la presenza di polipi adenomatosi.

Classificazione delle forme tumorali

Le tipologie tumorali, si distinguono in base alla cellula dalla quale si origina la patologia.

E' possibile identificare sei tipologie differenti:

  • L’adenocarcinoma del colon : tra le forme tumorali esistenti, è sicuramente la più diffusa. Si genera dalle cellule epiteliali della tonaca mucosa del colon retto. La sua peculiarità è che è dotato di una capacità infiltrativa, in grado di diffondere metastasi ( proprio per questa ragione rappresenta il 95-97% di tutti i casi di tumore al colon)..
  • Il linfoma intestinale: si genera dai linfociti, ovvero le cellule che costituiscono il sistema immunitario del tessuto linfoide della mucosa intestinale. Viene soprannominato anche MALToma intestinale. Il termine Maltoma, viene adoperato per designare i tumori del sistema linfatico che originano dai linfociti del MALT (Tessuto Linfoide Associato alla Mucosa).
  • Il carcinoma squamoso del colon-retto: si genera dalle cellule di tipo squamoso che costituiscono la parete interna di rivestimento dell'intestino crasso.
  • Il tumore stromale gastrointestinale : appartiene alla categoria dei sarcomi dei tessuti molli, e rispetto alle altre forme tumorali che interessano quest'area, ha origine dalle celulle che svolgono la funzione regolatrice della mobilità del cibo lungo il tratto digerente.  
  • Il leiomiosarcoma del colon (o leiomiosarcoma intestinale): appartiene anch’esso alla categoria dei sarcomi dei tessuti molli, si origina da una cellula muscolare liscia della parete del tratto colon-retto. 
  • Il carcinoide del colon: si ginera dalle cellule del colon-retto con funzione neuroendocrina, adibite alla produzione di ormoni.

Le suddette categorie, interessano fasce d'età superiori ai 50/55 anni di età, sono infatti molto rari nei giovani adulti.

Trattamento della patologia: le diverse terapie

Il trattamento delle patologie tumorali, ha inizio (quando possibile),con l'asportazione della massa tumorale, con il duplice scopo di rimuoverla e analizzarla, per poterne prevenire la ricomparsa, e comprenderne l'estensione.

Da premettere che l'intervento viene eseguito, sempre dopo aver provveduto ad una pulizia del colon mediante clisteri, per impedire la comparsa di infezioni.

Successivamente si procede con il ciclo di terapie, attraverso la chemioterapia, coadiuvata nei casi di metastasi dalla radioterapia. In alcuni casi, quest'ultima viene adoperata in previsione dell'intervento chirurgico.

La correlazione tra amianto e malattia

L'ultima monografia IARC in materia di amianto, ha confermato che tra gli agenti eziologici del tumore al colon vi è l’amianto, detto anche asbesto. 

The Working Group examined data from 41 occupational cohorts and 13 case–control studies that reported data on associations between asbestos exposure and cancer of the colon and rectum (See Table 2.7 available at http://monographs.iarc.fr/ENG/Monographs/ vol100C/100C-06-Table2.7.pdf). The Working Group made the decision to combine informa- tion on these two sites, although a few comments in several places in the text about the two sites considered separately have also been made.

Cohort studies

An association between occupational expo- sure to asbestos and cancer of the colorectum was first reported in 1964 by Selikoff et al. in a cohort of 632 male insulation workers in New York and New Jersey, USA (Selikof f et al., 1964). Further analysis of this cohort found a  posi- tive relationship between duration of work with asbestos and risk of cancer of the colorectum,  in that the SMR increased from 0.00 (95%CI: 0.00–18.45) in workers with < 20 years exposure, to 3.68 (95%CI: 1.48–7.59) among workers with 20–35 years’ exposure, and to 2.58 (95%CI: 1.48– 4.19) among workers with the longest duration of exposure, > 35 years (Selikof f & Hammond, 1979).

  • Selikoff et al. (1967), in a second report, found an association between occupational exposure to asbestos and cancer of the colorectum in a popu- lation of 17800 asbestos insulators across the USA and Canada (SMR, 1.37; 95%CI: 1.14–1.64).
  • McDonald et al. (1980) reported an overall SMR for cancer of the colorectum of only 0.78 in a study of 10939 men and 440 women workers employed as asbestos miners and millers in Quebec with predominant exposure to chrysotile asbestos. Additionally, however, McDonald et al. reported a “clear trend for SMRs to be higher, the heavier the exposure.” Thus with increasing levels of cumulative occupational exposure to asbestos dust, relative risks for cancer of the colorectum increased in this cohort from 1.00 in workers with less than 30 mpcf–y cumulative exposure, to 0.93 in workers with 30–300 mpcf–y, to 1.96 in workers with 300–1000 mpcf–y, and then in the group with heaviest exposure, > 1000 mpcf–y, to 5.26.
  • Ferrante et al. (2007) examined cancer mortality. Among women with domestic exposure to asbestos, 21 deaths from cancer of the “intes- tine and rectum” versus 16.0 expected (SMR, 1.31; 95%CI: 0.81–2.0) were observed. For cancer of the rectum, ten deaths versus five expected (SMR, 2.00; 95%CI: 0.96–3.69) were observed.

Several other cohort studies of occupation- ally exposed populations in a variety of indus- tries have also found evidence for an association between asbestos exposure and cancer of the colorectum  (Puntoni  et  al.,  1979:  Hilt  et  al.,1985; Jakobsson et al., 1994; Raffn et al., 1996; Szeszenia-Dabrowska et al., 1998; Smailyte et al.,2004).

Case–control studies

Evidence from case–controlstudiesofasbestos and cancer of the colorectum is in general less strong than the evidence from the cohort studies. However, case–control studies from the Nordic countries and the USA have, however, reported significant increases in asbestos-associated odds ratios in occupationally exposed poulations (Fredriksson et al., 1989; Gerhardsson de Verdier et al., 1992; Vineis et al., 1993; Kang et al., 1997; Goldberg et al., 2001).

Consideration of latency since first exposure appears to be an important factor in assessing these studies. Thus, Gerhardsson de Verdier et al. (1992) examined incidence of cancer of the colorectum by interval since first occupational exposure and observed “for subjects exposed to asbestos, the risks were highest when the latency period was more than 39 years.” Gerhardsson  de Verdier et al. observed further that the relative risk for cancer of the right colon was 2.6 (95%CI: 1.2–5.9) among workers exposed to asbestos, and that for malignancy of the left colon, only 0.5 (95%CI: 0.1–1.9).

Other cohort and case–control studies have not found evidence for an association between asbestos exposure and cancer of the colorectum (Gardner et al., 1986; Hodgson & Jones, 1986; Garabrant et al., 1992; Dement et al., 1994; Demers et al., 1994; Tulchinsky et al., 1999; Hein et al., 2007; Loomis et al., 2009).

Meta-analyses

Some of these meta-analyses have stratified studies according to the standardized mortality ratio for lung cancer or the percentage of deaths due to mesothelioma:

  • Morgan et al. (1985) found a summary standardized mortality ratio for cancer of the colorectum of 1.13 (95%CI: 0.97–1.30). This was reduced to 1.03 (95%CI: 0.88–1.21) after deleting cases in which the diagnosis of cancer of the colorectum was based on “best evidence” (patho- logical review) rather than death certificate data. Frumkin & Berlin (1988) found in cohorts where the standardized  mortality  ratio  for lung cancer was < 2.00 that the standardized mortality ratio for cancer of the colorectum was 0.86 (95%CI: 0.69–1.09). By contrast, when the standardized mortality ratio for lung  cancer  was > 2.00, the standardized  mortality  ratio  for cancer of the colorectum increased to 1.61 (95%CI: 1.34–1.93).
  • The IOM (2006) conducted a meta-analysis of cohortstudies examining the associationbetween asbestos exposure and cancer of the colorectum. In studies that compared “any” versus no expo- sure, the summary relative risk was 1.15 (95%CI: 1.01–1.31). For studies comparing “high” versus no exposure, the lower-bound summary relative risk was 1.24 (95%CI: 0.91–1.69), and the upper- bound summary relative risk, 1.38 (95%CI: 1.14–1.67).

The IOM also conducted a meta-analysis of the published case–control studies. Overall, 13 studies comparing “any” versus no exposure yielded a summary relative risk of 1.16 (95%CI: 0.90–1.49).

  • Gamble (2008) reported that there was “tendency for CRC [cancer of the colorectum] risk ratios to be elevated when lung cancer risk ratios are >4” and further noted a significantly elevated standardized mortality ratio of 1.60 (95%CI: 1.29–2.00) for cancer of the colorectum when the standardized mortality ratio for lung cancer exceeds 3.00. Gamble (2008) observed no trend in cancer of the colorectum mortality with increasing percentage of deaths due to meso- thelioma. Gamble saw no association between asbestos exposure and rectal cancer.

Come beneficiare della rendita INAIL

Agenti Causali (DD.MM 09/04/2008 e 10/06/2014)  Riferimenti e lavorazioni D.M. 09/04/2008  Periodo Max Ind.  Lista  Codice
Radiazioni Ionizzantin.pIllimitatoLISTA III.6.15.
Asbeston.pIllimitatoLISTA IIIII.6.03.

Il tumore al colon retto, è stato incluso nella categoria delle malattie asbesto correlate. In quanto tale, inserito nella Lista II INAIL, che pur riconoscendo poco probabile l'origine lavorativa della malattia, prevede comunque un indennizzo.

Nello specifico l'asbesto viene indicato come agente eziologico, LISTA II, Gruppo 6, Codice III. 6.03.

Per ottenerlo quanto prima, è necessario anzitutto dimostrare il nesso causale malattia- lavoro.

Occorre raccogliere tutta la seguente documentazione, volta ad attestare la presenza dell'amianto sul posto di lavoro:

  • il libretto del lavoro che racchiude i diversi periodi lavorativi;
  • l'indicazione del nominativo dei testimoni in grado di riferire sull’ambiente lavorativo;
  • copia delle buste paga;
  • fotografie comprovanti le attività lavorative all'interno del sito;
  • i piani di lavoro di rimozione amianto art.9 L.257/92;
  • copia del documento di valutazione del rischio;

La valutazione operata dal medico del lavoro

Per dimostrare il nesso causale tra la malattia, e l'esposizione ad asbesto, occorre recarsi da un medico del lavoro.

Quest'ultimo dovrà poter prendere visione della seguente documentazione:

  • certificazioni mediche e cartelle cliniche provanti lo stato di salute del paziente;
  • esami tecnico strumentali.

Il medico, dovrà occuparsi di redigere un certificato di malattia professionale, seguendo il modello 5SS bis proposto dall'INAIL e trasmetterlo all'ente.

La risposta dell'INAIL

Una volta esaminata la pratica, l'INAIL chiederà l'intervento della C.O.N.T.A.R.P. ( Consulenza tecnica accertamento rischi e prevenzione centrale), che a sua volta dovrà stilare una relazione sui rischi nell'ambiente lavorativo.

Qualora l'esposizione, (sia che si tratti di origine lavorativa o ambientale), venga confermata, la malattia asbesto correlata deve essere riconosciuta come tale.

Dal punto di vista legale, ciò comporta l'erogazione di due diversi indennizzi:

  • La rendita INAIL : per le patologie con grado a partire dal 16%, oppure l'indennizzo INAIL per quelle di percentuale compresa tra il 6% e il 15%;
  • Fondo Vittime Amianto: prestazione riconosciuta a tutte le vittime di amianto.

La procedura da seguire in caso di rigetto

Nel caso in cui la procedura abbia esito negativo, si può procedere effettuando un ricorso amministrativo (art. 104 del D.P.R n.1224/65), al fine di riesaminare il provvedimento.

Il controllo della documentazione e la visita collegiale

L'INAIL a questo punto convoca una sessione di visita collegiale, alla quale saranno presenti i sanitari dell'Istituto, il paziente ed il suo medico legale.

Viene discussa in sede, tutta la documentazione presentata, nel caso di rigetto, da un punto di vista più tecnico e medico legale; nel caso di sottovalutazione della lesione riportata come conseguenza della malattia professionale, da un punto di vista solo medico legale.

In base al giudizio formulato dal team di specialisti, l'INAIL emetterà un provvedimento amministrativo definitivo, vagliando tra la possibilità di accogliere la domanda di riconoscimento della malattia professionale, oppure rigettarla definitivamente.

Tutela legale per rigetto o sottovalutazione

Nel caso in cui, il giudizio definitivo dell'INAIl, sia nuovamente negativo, anche solo parziale,l'assistito può scegliere se desistere dall'iter giudiziario, oppure continuare a far valere i propri diritti.

Questa volta si procederà facendo ricorso al Giudice del Lavoro, il quale esaminerà a sua volta l'intera documentazione. Concentrando la propria attenzione, principalmente sulla prova della testimonianza e la consulenza tecnica.

Qualora il Giudice emetta una sentanza di rigetto, o accoglimento parziale, l'assistito questa volta potrà rivolgersi alla Corte d'Appello competente.

Occorre precisare che, nel momento in cui l'INAIL non sia disposta a rilasciare in alcun modo il certificato di esposizione ad amianto, si può comunque proporre la domanda amministrativa all'INPS.

I benefici contributivi della malattia professionale

Le vittime del tumore al colon, una volta ottenuto il riconoscimento dell'esposizione professionale ad amianto ( ex. art 13 co.7, L.257/92) dall'INAIL, possono richiedere la domanda di accredito dei benefici contributivi per esposizione ad amianto.

  • Lavoratori: hanno diritto ad un prepensionamento calcolato al 50% dell'esposizione subita. Ciò significa che, nel caso in cui l'esposizione sia durata 10 anni, si ricava un prepensionamento pari a 5 anni.
  • Pensionati : hanno diritto alla riliquidazione, quindi al ricalcolo delle rate della pensione sulla base del coefficiente 1.5.

Il coefficiente 1,5 consente di raggiungere anticipatamente l’età pensionabile e/o di aumentare l’importo economico della pensione. Per esempio, se si ha lavorato per 20 anni di cui 12 anni in esposizione ad asbesto, il periodo utile ai fini del diritto alla pensione sarà di 26 anni (12 x 1,5 + 8 anni).

Rifiuto da parte dell'INPS

L'INPS potrebbe a sua volta rigettare la domanda amministrativa, avvalendosi del meccanismo del silenzio rigetto ( trascorsi 120 giorni dal deposito della domanda amministrativa senza ricevere risposta).

In questo caso l'avente diritto deve allora rivolgersi al Comitato Provinciale INPS, come previsto dall' art.443 c.p.c

A sua volta il Comitato Provinciale INPS, può rigettare direttamente o tramite silenzio, il ricorso. L'assistito, a questo punto può ricorrere al Giudice del Lavoro, presentando questi documenti:

  • buste paga, libretto di lavoro;
  • prove documentali e/o fotografiche sulla presenza amianto;
  • la documentazione medica legata alla malattia;
  • documentazione INAIL di riconoscimento della malattia professionale
  • eventuali testimoni che riferiscano sulle condizioni di lavoro
  • eventuale certificazione INAIL di esposizione ad amianto
  • curriculum lavorativo

Pensione di inabilità amianto : un traguardo raggiunto dall'ONA

L' ONA nasce allo scopo di tutelare le vittime di amianto, sotto ogni punto di vista, soprattutto quello legale. L'avv. Bonanni con il suo impegno, ha reso possibile il riconoscimento del diritto alla pensione di inabilità immediata, per i lavoratori che hanno contratto patologie asbesto correlate, come previsto dall'art.1, co. 250, L.232/2016.

La norma è stata poi modificata per via del Decreto L. 34 del 2019, convertito con l'art. 41 bis l. 58 del 2019, che ha esteso il numero delle malattie per le quali si può accedere al pensionamento.

E' possibile ottenere il pensionamento immediato, seguendo le indicazioni contenute all'interno della Circolare INPS n. 34 del 09/03/2020.

Occorre precisare che tale prestazione pensionistica, non è cumulabile con l'indennizzo INAIL, se ne può usufruire solo quando gli anni mancanti al pensionamento sono di una certa rilevanza (Corte di Cassazione Sez. Lav, sentenza n.30438/2018).

Fondo Vittime Amianto per vittime tumore al colon

L'indennizzo del Fondo Vittime Amianto, istituito con l'art.1 commi 241/246 della L.244/2007, si aggiunge alla rendita INAIL fino al 20 %.

Per saperne di più :

Il risarcimento per le vittime del tumore al colon

Nei casi di malattie asbesto correlate, sia la vittima che i familiari superstiti (in caso di decesso) possono provvedere a chiedere il risarcimento dei danni.

Nello specifico, la vittima può chiedere il risarcimento del danno differenziale, costituito dalla differenza tra danno complessivo subito e la detrazione del danno biologico, erogato dall'INAIL.

A questo si sommano, i danni dovuti alle lesioni dell'integrità psicofisica, e i cosiddetti danni non patrimoniali che includono quelli morali ed esistenziali.

Risarcimento danni eredi

Nel caso in cui, la patologia asbesto correlata conduca la vittima alla morte, i famigliari possono richiedere un risarcimento del danno subito.

I danni che ledono i famigliari sono di varia natura: in primis il danno iure proprio, con il quale s'intende l'esposizione domestica all'agente cancerogeno, la modifica radicale della propria vita,ed infine lo shock della perdita, unita alla lesione dei vincoli parentali ed affettivi.

Richiedi assistenza gratuita

 

ASSISTENZA GRATUITA

Richiedi una consulenza gratuita all'Avv. Ezio Bonanni
Richiedi una consulenza